Giu 5, 2007 - dialoghi    No Comments

il tempo…..forse cucino…..

(sempre più difficile quattro mani)

…. appartengo al mio tempo …. se non altro a queste ore …. appartengo alla mia testa …. note di violino che svolazzano senza comporre ordinata melodia, meglio un gatto nero con macchia bianca all’occhio destro che miagola saltellando su tasti neri e bianchi di un vecchio pianoforte …. una padella antiaderente che sta aspettando di essere riempita, noci sgusciate svogliatamente e l’ordine di una stanza minimalista …. appartengo al mio tempo ….

                                                                                                                  Lesartists

pasta saltata in padella, speck, radicchio e noci, il profumo sale nell’aria e si confonde con le note di uno svogliato violino, il gatto nero che si era confuso con i tasti del pianoforte, ora si distrae annusa laria e circospetto si avvia verfso quella nera padella che figlia del suo tempo diffonde poesia nell’aria…..

                                                                                                                   refusi

la finestra è aperta e  mentre l’ultimo raggio di sole attraversa la stanza, una brezza leggera gonfia le tende portando con se l’odore del gelsomino… il gatto ormai sazio pigramente si accoccola sul divano… ed il suono di un vecchio violino via via si allontana nella sera…

                                                                                                                   pallina

…portando con se ricordi lontani

di un tempo che è passato,ma che rimane

presente a farti compagnia….come le

dolci note di quel violino

                                                                                                                  marosa

il tempo…..forse cucino…..ultima modifica: 2007-06-05T13:20:00+00:00da refusi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento