Giu 28, 2007 - dialoghi    No Comments

border line

725e6ad7a63d58e47348ef41ccfc5753.jpg

 

un penny per poche parole, un pensiero. Si aggira tra le righe, nicchiando sulla tastiera, ascoltando musica, quale siano le parole che accompagnano le note non si ricordano. Tergiversare sulle parole come tergicristalli sul parabrezza in un giorno di pioggia, avanti e indietro senza sosta cancellando ripetutamente gocce che imperterrite ricompaiono …. sì un penny per un pensiero e sono già oltre il confine della debolezza umana. Le debolezze gioie e dolori nascosti dietro a jeans a vita bassa …. ascolto ….

Les ….
                                                                                           lesartists

31a9fd17770ecbeb116e456517e161d8.jpg

jeans a vita bassa, ti ondeggiano davanti agli occhi, li segui con lo sguardo e non solo, i tuoi passi cambiano di ritmo, si adeguano, sul ritmo e sulla frequenza mantengono le distanze,e tu, come un serpente incantato dalla silenziosa musica dei gesti dell’incantatore li segui rimbalzando su sconosciute note, sù, giù, sinistra destra, sù, giù…..siamo presi. Il passo aumenta seguendo ora il pulsare del sangue, più in fretta, più in fretta, affianchiamo quei jeans, li superiamo, e a questo punto con gesto distratto volgiamo lo sguardo, volendo fare intendere che il nostro interesse e diretto a quella vetrina che come per incanto è apparsa di lato. Ma contemporaneamente gettiamo uno sguardo, osserviamo, un volto ancora bello ma stanco, due occhi che hanno pianto e che ancora trattengono negli angoli le tracce di piccole lacrime, improvvisamante così ci fermiamo, con l’atteggiamento di chi in quella vetrina ha scorto l’oggetto che sta cercando da una vita, senza più il coraggio di regalarle nemmeno un sorriso

                                                                                                                       refusi

27f86928ae218642ce08bc996a3117ca.jpg

 

…..un sorriso per farle capire ,che quelle lacrime

non sono sole,che anche i suoi occhi hanno pianto

infinite volte,e che conosce bene l’amarezza che lasciano,

per farle capire ,che è attraverso quelle lacrime che si

vive,si ama,si odia,si comprende,e si perdona……

un sorriso per darle la forza di continuare a voltarsi

per incrociare i mille sorrisi che le sono intorno…….

                                       petitcoeur

border lineultima modifica: 2007-06-28T21:15:00+00:00da refusi
Reposta per primo quest’articolo

I commenti sono chiusi.