Mag 8, 2009 - racconti brevi    5 Comments

“Organisanseeeeeeeeee”

dallo spagnolo, ovvero “Organizzatevi
burocrazia.jpg

Il termine viene da me preso per l’occasione da una storiella, un po’… spinta, che tempo fa circolava nei paesi sud americani,ma questa volta non è dedicata al nostro anfitrione, anche se ci potrebbe stare e credo che nessuno avrebbe nulla da dire ma e invece dedicata alla nostra sanità nazionale ed in particolar modo all’ASL. L’accostamento nasce dal fatto che questa mattina sceso in paese e recatomi all’ambulatorio medico per la richiesta di una ricetta, mi sento rispondere dal nuovo medico presente che lui la ricetta non me la può fare e che prima devo recarmi negli uffici dell’ASL e fare la richiesta relativa al medico curante. Spiego gli antefatti. Da tempo il mio medico, quello assegnatomi intendo, a causa dell’età e della salute precaria,  non era quasi più presente ed in questi ultimi anni sono stati diversi i medici che si sono avvicendati nell’ambulatorio per sostituirlo, così questa mattina, dopo avere atteso per oltre un ora il mio turno, non ho provato alcuna sorpresa nel ritrovarmi di fronte un nuovo medico. Lo stupore invece mi ha assalito quando alla mia richiesta della solita ricetta mi sento rispondere dal medico che lui non può farmela non essendo il mio medico curante….. Dunque, mi trovo sempre nel medesimo ambulatorio, in quello dove mi reco da 5 anni a questa parte, dove ho incontrato in questi anni sei medici diversi, senza contare quello presente e io non sono più un paziente. Al mio stupore mi spiega che il medico al quale ero stato assegnato è definitivamente andato in pensione e che lui non è il solito sostituto ma bensì un nuovo medico che ha preso il posto del precedente, ma badate bene come medico nuovo succede che i pazienti del precedente non gli vengono assegnati, che questi si ritrovano senza un medico e che per ottenerlo devono nuovamente recarsi all’ASL e fare la scelta……..  Che strano mi chiedo allora che ci faccia lui nell’ambulatorio del mio medico se non è il mio medico, mi chiedo che senso abbia doversi recare all’ASL per sceglierne uno nuovo….  lui naturalmente visto che da noi i medici sono due e l’altro da sempre gestisce l’altra metà dei pazienti del luogo e non è in grado di acquisirne di nuovi…. mi chiedo se non fosse stato più semplice ed automatico trasferire direttemente i pazienti da un medico all’altro visto che non esistono alternative… ed inoltre senza nessun preventivo avviso, senza alcuna comunicazione, nermmeno un cartello nella sala d’attesa,  e sì,  tanto noi pazienti abbiamo tempo, in alcuni casi un eternità. Lui nota il mio sguardo stupito e mi dice… “Sa mi spiace ma è la prassi….” Già, la prassi burocratica, occorre giustificare il numero elevato di dipendenti che altrimenti in un qualsiasi altro settore sarebbero decisamente in esubero,  poi ci si chiede dove vadano a finire i soldi spesi per la sanità, nella cura dei pazienti??????????? Naaaaaaaaaaaaaa, nel mantenimento di un esercito di mangia pane a tradimento.
Scusate?
La storiella dite …?
A sì…
Dunque, Argentina, festa a sorpresa sapete, quelle in cui gli invitati si presentano mascherati, quelle in cui dopo abbondanti libagioni, tipo baccanali, ad una certa ora vengono spente le luci e………………… e nel buio fra musiche soffuse ansiti e sospiri si alza forte una voce “Organisanseeeeeeeee”…. un attimo di silenzio generale, poi tutto riprende come prima. Passano una decina di minuti e poi ancora nel buio la voce.. “Organisanseeeeeeeee” ancora un attimo di suspence, poi ansiti e sospiri tornano a coprire la musica. Ma………. “Organisanseeeeeeeeeeeee” la voce torna a squarciare il buio della sala e a questo punto l’anfitrione, scocciato accende le luci e volgendo lo sguardo nel nugolo di corpi aggrovigliati sparsi su pavimento  e divani chiede ” Ma insomma si può sapere cosa c’è?”. Dalla massa informe si solleva a metà  uno, viso sconvolto, mano tesa in avanti, dito indice puntato… ” E sì,  organisanse, visto che in una ora che soi a qui, ho sfiorato a malapena una teta, e lo ciapao quatro volte in del cul!”

Organisanseeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

                                                                 refusi

ps. chiedo venia per la frase finale in uno spagnolo maccheronico ma era dolo per rendere l’idea

“Organisanseeeeeeeeee”ultima modifica: 2009-05-08T10:31:00+00:00da refusi
Reposta per primo quest’articolo

5 Commenti

  • Caro Ref, oramai il nostro “deretano” e’ talmente sfondato che ci possono far entrare di tutto!!!!!!
    Buon fine settimana e porta pazienza……………!!!!

  • Uhm… non sono sicura di aver capito bene la barzelletta perchè io il lumbard non è che lo capisca così tanto… :o)))
    Al solo pensiero di quante storie hai piantato stamattina mi sbellico dalle risate… :o))))

  • Un caro abbraccio Ref,
    Cristina!

  • Buon fine settimana caro Ref!

  • Strano che nella genialità della burocrazia italiana non abbiano pensato di fare lo stesso ogni volta che va in pensione… che so… un insegnante (specie col maestro unico!). E tutti gli alunni, forza, sù, muoversi: scegliete la vostra nuova classe! Oppure un dipendente pubblico… avanti, cittadini, uno per uno, scegliete la vostra nuova circoscrizione. Guardiamo il lato positivo… almeno il tipo della storiella era riuscito a sfiorare una “teta”! 😀

Lascia un commento