Browsing "genesi e nemesi"
Dic 26, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Persi

evolution-white1

 

Perché?
L’eterna domanda
a cui nessuno risponde.
Lo scopo ultimo
rimane celato.
Confusi pensieri
inseguono
ideali, dogmi e teorie
che sempre più lontano
portano dal vero.
Persi
nelle realtà virtuali
non scorgiamo più
orizzonti.
Inseguendo il mito
dimentichiamo il bisogno,
riducendoci
a mendicare il tempo.
Silenzi
coperti da frastuoni
osannano
l’idiozia di una specie
ridotta
a singolo individuo.

Dic 5, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Prima o poi

rosadivetro

 

Prima o poi
verrà qualcuno
a dirmi chi sono.
Prima o poi verrà
e mi leggerà la mano.
Mi guarderà negli occhi
e poi mi sussurrerà piano,
non darti pena non sei nessuno.

Nov 28, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Parabola

bruegel i ciechi

 

 

C’era una strada,

e c’era un uomo

sopra la strada.

C’era anche un dio

ma altrove

e non guardava.

La strada era quella

che portava alla fine

e l’uomo avanzando

ormai giunto al confine

pensava,

mah, ci sarà qualcosa

oltre questa strada?

Una meta,

uno scopo, una casa?

Si fermò, con il dubbio

dipinto sul volto,

si voltò, a osservare

il percorso trascorso,

dubitò del suo dire,

dubitò del suo fare.

Si chinò, con la mano

spolverò i pantaloni

con gesto anormale,

stava prendendo tempo

non volendo avanzare.

Cosa c’era o chi c’era

oltre quel confine?

C’era il premio?

Il castigo?

O soltanto… soltanto

una semplice fine?

Senza gogne ne allori,

senza canti ne pianti,

senza voci dannate

senza aureole di santi.

Ma soltanto il riposo,

la soluzione finale,

dove non han più ragione

né il bene né il male.

Soppesò ancora a lungo

tutta quella questione

poi, il suo volto si distese

in un caldo sorriso,

e riprese ad andare

con un passo deciso,

si avviò e senza dubbi

superò quel confine

certo che

c’era solo il riposo

raggiungendo la fine.

Ma e quel dio dove stava?

Era sempre altrove e,

non guardava.

Ago 12, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Inferno

753px-Gustave_Doré_-_Dante_Alighieri_-_Inferno_-_Plate_22_(Canto_VII_-_Hoarders_and_Wasters)

 


Vita e morte,
amore e odio.
Tristezza, malinconia,
gioia, allegria
e dolore
si incrociano
sul nostro cammino,
dal primo all’ultimo giorno.
Inferno,
di rimorsi e rimpianti.
Ragnatele di ricordi,
di lacrime e di canti,
ci accompagnano
come folli fantasmi,
dal primo all’ultimo giorno,
e dopo di ciò
quale sadico dio
ai nostri numerosi errori
potrà, dare castigo?

Ago 11, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Noi, che facciamo il tempo

1389982085

 

 


Tempo,
tempo di ieri,
tempo di oggi,
tempo di domani.
Noi, che facciamo il tempo
noi, che cambiamo il tempo
e il tempo
cambia noi.
Ma noi,
noi facciamo il tempo.
Quanto è passato
dacché il primo essere,
uomo o chi
creò l’oggi
che divenne ieri,
che sarà domani.
L’ultimo uomo
o chi per lui
distruggerà il tempo
con l’ultimo domani,
l’ultimo oggi,
l’ultimo
già scordato
ieri.

Giu 20, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Frattali

1759045362

 

Frattali, curve

in costante ripetizione

conducono l’uomo

a ricalcare sempre

i propri passi,

il futuro si specchia

nel passato,

compiacendosi

della propria immagine.

Giu 13, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

… e andiamo

tesina-sul-900

 

 

…e andiamo

con l’entusiasmo di chi

della vita

conosce solo fiabe,

andiamo.

Come un immenso gregge

che in pascoli bruciati

cerca erba verde

e rivi ancora ignari,

andiamo.

Verso insicura sorte

come candele accese

tremolanti

all’alito del vento

andiamo.

Verso un sicuro porto

che non è mai lontano

per tutti ha un nome

morte,

sicuramente andiamo.

Mag 18, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Ciclo

P1130795-vi

 

Alba

Nei primi
lividi raggi
di un sole
nato prematuro,
racchiusi agonizzanti
gli ultimi
brandelli di sogno.

Tramonto

In un cielo
rosso dell’ira
di un sole morente,
gli ultimi
fugaci resti
di speranze vane
e embrioni
di nuovi sogni.

Pagine:123456»