Browsing "genesi e nemesi"
Mag 18, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Ciclo

P1130795-vi

 

Alba

Nei primi
lividi raggi
di un sole
nato prematuro,
racchiusi agonizzanti
gli ultimi
brandelli di sogno.

Tramonto

In un cielo
rosso dell’ira
di un sole morente,
gli ultimi
fugaci resti
di speranze vane
e embrioni
di nuovi sogni.

Mag 14, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

…e stanco do un giro di chiave. (Suicidio assistito)

shutterstock_265887074-e1445103766273-744x431

 

 

Cuore che batti

con palpiti lesti e veloci

mantieni una vita

che ormai solo

appare,

ma il sangue che pompi

è freddo

non ha più calore,

è come benzina

in un auto

rimasta senza motore.

Ora basta,

ti prego.

Non battere più.

Ogni spinta un dolore.

Ma sono io

seduto al volante

ora allungo una mano

esitante

e stanco

do un giro di chiave.

 

 

 

(Alcune poesie anche se scritte in prima persona solo solo un tentativo

di immedesimazione in situazioni altrui è cercare di capire come si

possano sentire queste persone in determinate condizioni)

Apr 26, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Sono nel luogo

 tempo

Io sono
nel luogo
dove ogni storia,
ogni amore,
ogni sorriso,
ogni lacrima,
nasce e si perde
in una continua eco
ripetuta.
Dove passato
e presente
evocano,
un futuro
mai diverso

Mar 25, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Civiltà

1020911076

Costruimmo castelli e fortezze,

rinchiudendo fra mura le nostre città,

per proteggere le nostre ricchezze,

ignorammo l’altrui povertà.

Fummo santi, pittori, poeti,

fummo sommi cultori di boria,

ci atteggiammo superbi ad esteti,

ma sbagliammo, lo dice la storia.

Dic 28, 2016 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Creazione (filastrocca con ematoma)

(non c’è mai stato un paradiso terrestre)

la_creazione____by_sivi87

 

C’era solo del vuoto
dentro al nulla caotico
poi qualcuno volò
sopra al nido del cuculo
vi depose due uova
di un colore cianotico
che restaron sospese
sopra lo spazio cosmico
colorando quelll’aria
del colore più livido.
Poi passaron dei giorni
e le uova si schiusero
bianche braccia con forza
i frammenti forzarono
ma eran senza le ali
fu per questo che caddero
ancorati a quel suolo
come vermi ora strisciano.

 

 

Set 7, 2016 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Stanchezza

1987752651

La senti dentro, gemere

nelle ossa e nell’anima.

Implora il riposo.

L’ultimo sonno, la fuga

dalle parole, dai rumori,

dalle promesse mai mantenute,

dai sogni mai realizzati,

dalle illusioni. Stanchezza.

Spalle piegate dall’uso e dall’abitudine,

mani raggrinzite dal tempo.

Non contano gli anni,

è solo la fatica che pesa,

il sapere di aver combattuto

in silenzio da solo e…

di avere perso. Stanchezza.

Datemi il riposo

Pagine:123456»