Browsing "pensieri"
Feb 16, 2010 - pensieri    8 Comments

Il mare….

tempesta_gibilterra.jpg
…. non vorrebbe adirarsi il mare, ma… il vento, ohh ma il vento…
Appare improvviso dapprima ruffiano, scende dolce, carezza con docile mano e poi…
quando il mare si pasce inseguendo un ricordo, lui improvviso, affonda la mano. Improvviso schiaffeggia, sibila urla e il mare sorpreso si sveglia, si scuote. Tradito ed offeso reagisce con rabbia e inalbera mura di onde schiumanti di inutile ira…….
Il mare non vorrebbe adirarsi, ma il vento, ohh il vento…………..
Dic 28, 2009 - pensieri    7 Comments

Post Natale, due pensieri a braccio

00 zxxx0812308 023.JPG
Così, come sempre, seguendo gli eterni dettami del tempo, anche questo Natale è passato. Abbiamo trascorso i giorni che lo precedevano freneticamente, lungo le strade, in un susseguirsi dentro e fuori da negozi alla ricerca, dei regali o nell’acquisto di specialità gastronomiche che avrebbero allietato la nostra tavola. Abbiamo incartato pacchetti, poi via, tutti alla messa di mezzanotte, ci siamo scambiati il segno della pace col vicino, sentendo la commozione che ci saliva da dentro e ci inumidiva gli occhi e ci siamo sentiti più buoni in quel giorno di Natale che ci stava aprendo le porte. Abbiamo scartato i regali, delusi e rassegnati, nella maggior parte dei casi, salvo quelli di stretta parentela o di insorgenti affetti, abbiamo regalato cose inutili e siamo stati ampiamente ricambiati. Il Natale poi si è stemperato fra prosciutti, paté, aragoste, cosce di cappone, arrosti e bolliti, frutta secca e fette di panettone in un susseguirsi in interrotto di calici lavati. Bissando poi il tutto la giornata di Santo Stefano e chiudendo con quanto avanzato la domenica successiva ed ora, ora ci ritroviamo qui, con lo stomaco dilaniato dai bruciori, il ventre teso come un tamburo di pelle d’asino e alla testa il cerchio di una botte intento a contenere tutti i fumi dell’alcool ingerito. Ci ritroviamo qui, con un sacco di ciarpame a cui dovremmo trovare posto, mantenendolo tale e quale, con la propria carta di imballo ed il bigliettino, solo per evitare il prossimo Natale durante l’operazione di riciclo di restituire l’inutile oggetto a chi ce ne aveva fatto amorevolmente dono. Siamo qui, il più delle volte delusi, svuotati, dimentichi di ogni proposito e di quel gesto di pace che tanto ci aveva commosso. Il mondo è tornato quello di sempre, no, il mondo è stato quello di sempre, non è cambiato per nulla, è lì, di fronte ai nostri occhi, con i suoi dolori, le sue pene, la sua fame, le sue guerre, le sue morti e le sue miserie, le nostre miserie. Siamo noi che ipocritamente abbiamo voluto illuderci che così non fosse, noi che come sempre abbiamo voluto ignorare, più di quanto non facciamo abitualmente, quella realtà che abbiamo creato ed ora siamo qui, carichi di malesseri e confusi, volutamente incapaci di una qualunque riflessione, volutamente ignari della stupidità e dello spreco, ma pronti quasi subito a ricominciare ed a ripeterci con l’approssimarsi dell’anno nuovo con una nuova valanga di buoni propositi che si dissolveranno a breve ancor più velocemente dei botti della mezzanotte e dei fumi dell’alcool di tutti quei calici che innalzeremo per brindare a una vita, vecchia, stantia e ripetitiva. Ma…… gira il mondo gira nello spazio senza fine, gira sempre e senza il nostro consenso………. con noi o senza.
Set 23, 2009 - pensieri    6 Comments

Alzato col piede sinistro

indiani038.jpg

se fossi un pellerossa, sì un indiano d’america, sioux, navaho, cheyenne, cherokee, apache o quant’altro, oggi questo sarebbe stato il mio nome. Vi capita mai di alzarvi così?? Alzarvi anche se potreste rimanere a letto perché non avreste null’altro da fare? Quando potreste girarvi tranquillamente dall’altra parte e riprendere il sonno, ma vi sentite costretti alzarvi ugualmente perché anche stare sdraiati a letto vi da fastidio? Vi crea ansia e un senso di soffocamento? In giorni così non vi resta altro che alzarvi e naturalmente lo fate col piede sbagliato. Per qualche minuto vi aggirate nervosamente per la casa, prendete il giornale ma lo gettate subito sul divano dopo uno sguardo superficiale sulla prima pagina, già le  immagini presenti vi creano fastidio. Preparate una colazione con quella vaga sensazione dentro che vi manchi qualche cosa, che avete qualche cosa di importante da fare ma che vi sia sfuggito completamente dalla memoria. Così mentre trangugiate velocemente una tazza di caffè latte o di the con quattro biscotti, rimuginate in modo sconclusionato su quale sia la vostra posizione nel mondo, nella vita, senza arrivare da nessuna parte e la vostra sensazione di inutilità aumenta. L’aria all’interno dell’appartamento si fa pesante, irrespirabile e la considerazione che avete di voi stessi sembra assottigliarsi sino a svanire involandosi da sotto lo spiraglio della porta. Uscire, occorre uscire. Una corsa in bagno per una veloce lavata di faccia, niente barba, chi se ne frega, l’amor proprio sta parcheggiato altrove. Ci si veste con quello che capita sotto mano, si raggiunge il garage, si sale in macchina e sempre rimuginando vagamente su qualcosa di non  ben definito si giunge alla periferia del paese, dove alle pendici dei monti, si snoda addentrandosi nei boschi il percorso vita. Parcheggiate l’auto, calzate un paio di scarpe da trekking sempre disponibili all’interno del baule e vi incamminate. Quasi di corsa vi addentrate velocemente nel bosco, con passi affrettati e brevi, come se dentro voi esistesse la necessità impellente di  raggiungere quel pensiero perso nei meandri della memoria ed in pari tempo la paura di potersi smarrire lungo quella strada. Il respiro, affannoso pesante, quasi a scatti, segue il ritmo dei passi. Poi senza una ragione apparente lo sguardo inizia un percorso nuovo e diverso, si addentra nel bosco e si distrae, scrutando fra tronchi di pini, castani e cespugli. Scorge all’interno di una radura un ultimo ciclamino autunnale, ci si sofferma. Lo sguardo si fa più attento ed ecco accade che alla base di un tronco fra ciuffi d’erba appaiano, improvvisi quasi per miracolo, dei piccoli bianchi funghi. Là più avanti, proprio ai lati del sentiero, dei verdi ricci colmi di castagne non ancora mature caduti prematuramente dai rami. Lo sguardo spazia all’interno di quel verde e di quelle onbre, un altro fiore, delle bacche, qualche mora, una lucertola che furtiva fogge al vostro arrivo fra un leggero frusciare  di foglie ed una variopinta farfalla volteggia in modo ineguale attirando l”attenzione. Il passo cambia, rallenta di ritmo e si allunga di portata, seguito dal respiro che si fa lento, profondo e misurato. Sul volto si disegna una smorfia che a tutta l’aria un sorriso sognante, e quel pensiero fuggente, quello che era causa dell nostro fastidio, della nostra ansia. Quello che si rincorreva nervosamente quasi fosse una verità perduta ed ineluttabile, scompare , cessa di esistere, forse perché non è mai esistito. Ci si ritrova così a camminare dentro al bosco quasi chiedendosi come ci si sia giunti, quale sia stata la ragione che ci abbia spinto a farlo, senza trovare una risposta, felici comunque di averlo fatto.

Ago 2, 2009 - pensieri    10 Comments

C’era una volta… così, per scrivere

zzzx090513 078 ap ma so.jpg
Dunque, c’era una volta, sì una volta, non chiedetemi quale, una volta, c’era…… o forse non c’era. Di certo non c’era nessun principe, né una principessa, né una dolce fatina e nessun cavallo bianco cavalcava su verdi pascoli. Non c’era, o meglio c’era, sì c’era un sogno abbozzato, c’era la curiosità di fondo, la voglia e la fretta di crescere e di capire,  e c’era o non c’era il desiderio profondo di allargare il pensiero ad abbracciare il mondo. Poi il sogno s’è perso fra pereti e finestre mai aperte, su mancate risposte, su attese inutili e domande mai poste e il pensiero è rientrato un pochino contuso ha trovato un cantuccio e silente e confuso, s’è accucciato rimanendo così a difesa del suo piccolo prato.
                           refusi
Mag 21, 2009 - pensieri    2 Comments

Signorinella

Quasi per caso mentre cercavo altro in you tube, mi sono imbattuto in questa canzone. No, non si tratta di una canzone dei miei tempi. Questa canzone appartiene ai tempi ed alla  gioventù di mio padre e mia madre, eppure ascoltandola, mi sono sentito più vicino a lei che non a quanto viene prodotto, cantato e commercializzato oggi. Colpa degli anni immagino, no, non dei miei, di questi anni.

Apr 29, 2009 - pensieri    5 Comments

da.. Cronache di un tempo perso

 

 

348772631_1534941bf8_m.jpg
Olivetti Lettera 22

 

quanti ricordi, è ancora là, di colore verde oliva, nella sua custodia polverosa, fra gli ultimi residui di un trasloco da tempo compiuto. Scatoloni non ancora aperti, cassette musicali e video cassette con vecchie e stentoree registrazioni artigianali, libri che non trovano più una collocazione, tappeti che non si adattano all’arredamento, quadri privati di pareti e suppellettili di mobili, articolo vari. Un piccolo bazar dimenticato, oggetti inutili ma dai quali non ci si vuole separare. A ciascuno di essi è legato un attimo di vita, confuso nella memoria, o enfatizzato dal ricordo. Anche lei è là, fra le cianfrusaglie accatastate, dentro la custodia a fargli compagnia ancora una mezza risma di carta rimasta inusata, una confezione quasi intonsa di carta carbone, un nastro di ricambio, nero e rosso con l’inchiostro ormai rinsecchito dal tempo. Ricordi.  Aprendo la custodia malandata sembra quasi di sentire l’odore di altri tempi salire dall’interno per riportarti a spazi lontani, mai dimenticati. Agli occhi della memoria appare vivida l’immagine del tavolo sopra al quale solevo porla prima accostare la sedia, introdurre il foglio dentro al carrello, battere sul primo tasto e poi, rimanere in attesa che la altre parole sgorgassero dalle dita come da una sorgente e fluissero li sulla carta per essere poi lette e comprese, come se quelle frasi appartenessero a un altro, a un altro tempo, a un altro mondo. Tlic tlic tlic tlic tlic tlic tlic, Olivetti Lettera 22

La guerra

993934710

La guerra è nel destino dell’uomo, perché è nella sua testa. Come lo sono il potere, la sopraffazione, l’egoismo, l’antagonismo, il protagonismo, il desiderio, il possesso, la stupidità e la morte

Apr 22, 2009 - pensieri, poesie    4 Comments

A imperitura memoria

della stupidità umana                 

zzzx090422 088 copia.jpg
Lentamente, la natura riprende possesso di ciò che gli appartiene, adagio nel corso degli anni copre con terra smossa e nuovi alberi quelle inutili ferite.
zzzx090422 092.JPG
Trincee, camminamenti, postazioni, feritoie, casematte,li, lungo le coste di monti che mai hanno udito uno sparo. Ferite nella terra che sono risuonate di voci e del sudore di uomini per un inutile opera, trincee di guerra, lungo un confine di pace, scavate da uomini poi…. morti altrove.
zzzx090422 071.JPG
Trincee
Canto
triste e stonato
ti levi
da quelle trincee
che, nel buio,
si snodano
lungo colline e valli.
Canto
racchiudi in te stesso
ricodi lontani,
rimpianti,
dei giorni di pace.
Nelle note
che s’alzano spezzate
i volti, le strade, le case,
di tanti paesi
che aspettano.
Un bagliore, uno sparo
sommesso un lamento.
Silenzio.
Lontano, qualcuno,
aspetta
il ritorno du un canto.
                                                  refusi

Mar 25, 2009 - pensieri    7 Comments

Quando si incontrano

stress%20al%20computer.jpg 

uno sfigato e un imbranato……………. anche la matematica va a farsi benedire. Già perchè capita che una sera di marzo dopo cena lo sfigato si accomodi al computer e, dopo avere osservato per qualche istante le foto che si alternano nello screen saver  dedica di riprendere l’attività nel punto dove l’aveva interrotta,. Magari…… spazio.. invio…. esci…. mouse… nulla ….le foto seppur moooolto lentamente continuano ad alternarsi sullo schermo sino a fermarsi baluginare e sparire per lasciare posto ad una strana schermate mai vista prima d’ora e poi…… buio il PC viene spento.  Riavvia e qualche istante dopo il riprendere del rassicurante ronzio sullo schermo appare una scritta ” not signal” hai voglia a schiacciare disperatamente ognuno dei possibili tasti del PC, nulla. Si Spegne, si riavvia, si spegne si scollega si staccano tutti i cavi si riattaccano tutti i cavi, stacca, attacca spegni e accendi, il risultato non cambia…. “not signal” troneggia sempre al centro del monitor. Ci si rassegna. Lunedì mattina quasi alla prime luci dell’alba, (ore 8,45) si alza dal letto, impossibile continuare a dormire ( che sia diventato PC dipendente?)  si alza, afferra la cornetta del telefono, ammesso che si possa chiamare ancora così e……….  due frasi un accordo e subito si carica il PC in macchina e si parte, e qui entra in gioco l’imbranato. Giunto a destinazione scarica il PC,  spiega l’accaduto, al “tecnico” lui annuisce , prende il marchingegno e parte per dargli un occhiata. Nel frattempo,l o sfigato, si accomoda alla consolle di un PC di internet point presente sul luogo per lanciare un grido di agonia,  ma dopo poco tempo ecco riapparire l’imbranato, un sorriso soddisfatto sul volto, è cosa da nulla dice, e partito il condensatore con una 30ina di euro si cambia, ci vuole un attimo. Solo che per sostituirlo dovrei levare il sigillo di garanzia, se mi autorizza? Nella testa dello sfigato,  i pensieri cominciano a girare vorticosamente, quasi quanto le rotelline di Virgilio, rinfrancato dalla notizia, considerando la lieve entità del danno, valutando i pro e i contro, il computer è ancora in garanzia e lo sarà ancora per alcuni mesi, quindi le riparazioni dovrebbero essere gratuite, ma…. c’è un ma, occorre riportare il PC al venditore, attendere che venga spedito alla casa madre, riparato, rispedito e dal calcolo approssimativo che ne risulta come minimi dovrebbe privarsi del PC, per oltre un mese se non due. Beh, il costo non è elevato val bene la pena di spendere la cifra di 30 euro e di porre termine alla garanzia per rientrare immediatamente in possesso dell’amato PC funzionante, va bene,  è la risposta, lo faccia. Passa una l’unga mezzora e la faccia dell’imbranato riappare nella sale, difficile descriverne l’espressione, mi spiace annuncia non si tratta del condensatore, dovrei fare delle prove, ma temo si tratti delle scheda madre. Ecco pensa subito lo sfigato, la dimostrazione dell’ineluttabile realtà della vita, trattenendo a stento la rabbia, rassegnato chiede che venga sostituita, naturalmente, vista la situazione al puro e mero prezzo di costo. Non posso, è la risposta che giunge alla sue orecchie , e allibito sente l’imbranatoinformarlo che la ditta in questione non commercializza le schede dei suoi PC, e che pertanto il computer dovrà essere inviato alla casa madre, senza alcuna garanzia 
In matematica 1 +1 fa 2, ma una pera e una mela  non fanno ne due pere ne due mele, rimangono sempre una pera e una mela. Ma in questo caso subentra l’eccezione uno sfigato e un imbranato fanno due, sì due colleoni

                                                                                                          refusi