Browsing "poesie"
Dic 5, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Prima o poi

rosadivetro

 

Prima o poi
verrà qualcuno
a dirmi chi sono.
Prima o poi verrà
e mi leggerà la mano.
Mi guarderà negli occhi
e poi mi sussurrerà piano,
non darti pena non sei nessuno.

Nov 28, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Parabola

bruegel i ciechi

 

 

C’era una strada,

e c’era un uomo

sopra la strada.

C’era anche un dio

ma altrove

e non guardava.

La strada era quella

che portava alla fine

e l’uomo avanzando

ormai giunto al confine

pensava,

mah, ci sarà qualcosa

oltre questa strada?

Una meta,

uno scopo, una casa?

Si fermò, con il dubbio

dipinto sul volto,

si voltò, a osservare

il percorso trascorso,

dubitò del suo dire,

dubitò del suo fare.

Si chinò, con la mano

spolverò i pantaloni

con gesto anormale,

stava prendendo tempo

non volendo avanzare.

Cosa c’era o chi c’era

oltre quel confine?

C’era il premio?

Il castigo?

O soltanto… soltanto

una semplice fine?

Senza gogne ne allori,

senza canti ne pianti,

senza voci dannate

senza aureole di santi.

Ma soltanto il riposo,

la soluzione finale,

dove non han più ragione

né il bene né il male.

Soppesò ancora a lungo

tutta quella questione

poi, il suo volto si distese

in un caldo sorriso,

e riprese ad andare

con un passo deciso,

si avviò e senza dubbi

superò quel confine

certo che

c’era solo il riposo

raggiungendo la fine.

Ma e quel dio dove stava?

Era sempre altrove e,

non guardava.

Nov 19, 2017 - poesie    No Comments

La menagram (dialettale scherzosa)

civetta
L’è lì, e
se la sa no se fa,
la parla de quei
ch’in già crepà
e se vun puaret
l’è mouribound,
senza nanca pensac
la manda a l’alter mund.
Mama, che mena gram
che porta rougna,
quant ca la dorma
de funerai la sougna,
par ca la sia
la tousa del bechin,
e mi
che se stremisi un cicinin
ghe fu corni bicorni
e touchi fer,
ma riesi no
a desmentega un penser
che in verità
a me fa un pou pagura,
che quela lì
me faga un quei fatura.
Ma mo sun stuff,
vu via, torni pu indree,
la mena gram,
la staga de par lee.
La menagramo

Lei è lì, e /e non sa che fare/parla di quelli/che sono appena morti/e se uno poveretto/è moribondo/ senza nemmeno pensarci/lo manda all’altro mondo./Mamma, che menagramo/ che porta rogna/ quando dorme/di funerali sogna/sembra che sia/la figlia del becchino/ e io,/che mi spavento un pochettino/faccio corni bicorni/e tocco ferro,/ma non riesco/a dimenticare quel pensiero/ che in verità/mi fa un po’ paura/che quella lì/mi faccia qualche fattura./Ma adesso no stanco/ vado via, e non torno più indietro/ la menagramo/se ne stia da sola.

 

Nov 13, 2017 - poesie    4 Comments

La luna, il pozzo e il pazzo

rini2

Era pazzo,
con il secchio pescava
la luna dal pozzo
anche quando non c’era.
Era pazzo
cantava
canzoni inventate
e pescava
con il secchio bucato
la sua luna nel pozzo.
Lui diceva
di amare la vita, la luna
e sedeva
aspettando il calare del sole
e al levar della luna
continuava felice,
ne suo gesto d’amore

                                 refusi

(riedizione dal 05/06/07 con aggiunta  di immagine)

Ott 22, 2017 - poesie    13 Comments

Se

7a79a79df316b0d453961a2fb12fea07.jpg
Se il mio cuore

avesse porte

le aprirei per farti entrare,

se avesse finestre

calerei scale per farti salire,

se avesse passaggi segreti

scardinerei le grate

per farti passare.

Ma il mio cuore

non ha porte,

non ha finestre,

non ha passaggi segreti

e se tu ora ci sei dentro

è perché ci stavi da sempre.

 

 

 

 

Tempo perso

th

Ho trascorso troppo tempo
a costruire una vita,
senza viverla.
Troppo tempo a pregare
un dio, che
non c’era.
Troppo tempo a cercare
una mia verità,
senza capire
che ognuno ha la propria
e che solo la forza
la impone.

 

Set 16, 2017 - poesie    No Comments

Piazza duomo

comobn72duobrol14

Maestosa, squadrata,
geometrica e pura
appare improvvisa
racchiusa fra mura.
Di sotto le case
i portici ombrosi,
si muovono danzanti
in archi sinuosi.
La luce dell’alba
che cade radente
disegna il profilo
del duomo imponente.
Fra guglie e merletti
troneggiano pesanti
in profili marmorei
la statue dei santi.
Il vecchio Broletto
ai lati del Duomo
ricorda gli antichi
splendori di Como.
e ancora più a lato
svettando nell’aria,
solenne si leva
la torre campanaria.
Rintoccano le ore
e scossi dai suoni,
volteggiano nell’aria
a stormi i piccioni.
Il mattino si inoltra
ed i primi rumori
iniziano sommessi
a echeggiare fra i muri
Già i primi turisti
si affacciano sorpresi
con gli occhi sgranati
i fiati sospesi,
ma i turisti moderni
di tempo ne han poco
sollevano le reflex
e scattano le foto,
e poi, via di fretta
con passi veloci
portandosi appresso
ricordi fugaci.
Ma incurante di tutto,
dei santi e del duomo
si muove frenetica
la gente di Como.

 

Set 15, 2017 - poesie    21 Comments

Il nemico

a Dino Buzzati
(liberamente associata a “il deserto dei tartari”)

el bagawat

 

Sono là in fondo, vedi,
confusi col pensiero
là, fra la sabbia e i sassi
del tuo deserto nero
e là ci son da sempre,
ci sono sempre stati,
solo volutamente
li abbiamo dimenticati
                                                  Non chiuder gli occhi stanchi,
                                                  non abbassar la mano,
                                                  allerta, allerta giungono,
                                                  eccoli capitano.
Qui sopra queste mura
sguardi, volti lontano,
aspettano che la pugna
giunga a squassare il piano
e nell’attesa atroce
si torcono le budella,
che giunga la giornata.
che giunga e che sia quella.
                                                    Non chiuder gli occhi stanchi,
                                                    non abbassar la mano
                                                    allerta, allerta giungono,
                                                    eccoli capitano.
Scruta lo sguardo attento,
scruta fra pietre e sabbia,
fra ombre che all’orizzonte
sfuggono fra attesa e rabbia.
Dentro un silenzio privo
di suoni, le emozioni
nascono di dentro
in sordide esplosioni.
                                                     Non chiuder gli occhi stanchi,
                                                     non abbassar la mano,
                                                     allerta, allerta giungono,
                                                     eccoli capitano.
Scorre un intera vita
così, sopra le mura,
in attesa di un nemico,
di gloria e di paura.
Scorre l’intera vita
in cose senza senso,
scordando quel nemico,
che portavamo dentro.
                                                      Chiudi quegli occhi stanchi,
                                                      poni la lesa mano,
                                                      ora il nemico è giunto,
                                                      dormi, mio capitano.
(ripostata)

 

 

 

 

 

Set 15, 2017 - poesie    No Comments

Mi sunt chi – dialettale (quasi) con dedica

al mio lago.

 

bellagiocntla72dabr2

 

Mi sunt chi.

Vegnu bass cunt la piena

vegnu giò di muntagn

cunt la luna

che se specia in’t el lac.

Mi sunt chi

cunt i occ spalancaà

in su la vista

de quel’acqua

che la Breva l’increspa

e che fa dundulà

tuc i barc.

Mi sun chi

cunt i occ

che se pert su i muntagn

cunt ul coeur

che scancela i magagn

e cunt l’anima piena

d’un paesagg

che l’è cumè una cadena

che la  ferma i to pass,

che te roba l’umbria

e te lega ai to sass.

Sì, mi sun chi.

 

Traduzione per i non addetti.

Io sono qui/sceso a valle con la piena/sceso dalle montagne/con la luna/che si specchia nel lago/Io sono qui/ con gli occhi spalancati/ sulla vista/di quell’acqua/che la Breva (vento) increspa/ e che fa dondolare/tutte le barche/Io sono qui/con gli occhi/che si perdono sulle montagne/con il cuore/che cancella tutte le magagne/e con l’anima piena/di un paesaggio/ che è una catena/che ferma i puoi passi/ che ti ruba l’ombra, e ti lega ai tuoi sassi./Sì, io sono qui.

 

 

Ago 14, 2017 - poesie    No Comments

Voyeur (Fatti e misfatti 2)

VOYEUR-MIRROR-BY-BBMDS-1

 

 

Ho trascorso il mio tempo

tra parentesi,

osservato il dolore

dalle fessure di un persiana

per paura della sofferenza,

ho guardato le emozioni

dal buco della serratura

per non esserne coinvolto.

Ho trattenuto il riso

serrando i denti,

nascosto le lacrime

volgendo il capo

per non essere visto.

Ti ho guardata.

sì, ti ho guardata

da lontano,

dietro angoli di strade

dal tavolino di un bar

nascosto tra la folla.

Ti ho ascoltata ridere

ti ho vista piangere

esultare nei successi

disperarti nelle disgrazie

e mai, mai ti ho teso la mano

mai ti ho sorriso

partecipando alla tua gioia

mai ho asciugato le tue lacrime

lenito il tuo dolore

lasciando fosse anche il mio,

e mai, mai ti ho parlato d’amore

vita.

 

 

Pagine:1234567...33»