Browsing "poesie"
Apr 8, 2017 - poesie    No Comments

Mi sunt chi – dialettale (quasi) con dedica

al mio lago.

 

bellagiocntla72dabr2

 

Mi sunt chi.

Vegnu bass cunt la piena

vegnu giò di muntagn

cunt la luna

che se specia in’t el lac.

Mi sunt chi

cunt i occ spalancaà

in su la vista

de quel’acqua

che la Breva l’increspa

e che fa dundulà

tuc i barc.

Mi sun chi

cunt i occ

che se pert su i muntagn

cunt ul coeur

che scancela i magagn

e cunt l’anima piena

d’un paesagg

che l’è cumè una cadena

che la  ferma i to pass,

che te roba l’umbria

e te lega ai to sass.

Sì, mi sun chi.

 

Traduzione per i non addetti.

Io sono qui/sceso a valle con la piena/sceso dalle montagne/con la luna/che si specchia nel lago/Io sono qui/ con gli occhi spalancati/ sulla vista/di quell’acqua/che la Breva (vento) increspa/ e che fa dondolare/tutte le barche/Io sono qui/con gli occhi/che si perdono sulle montagne/con il cuore/che cancella tutte le magagne/e con l’anima piena/di un paesaggio/ che è una catena/che ferma i puoi passi/ che ti ruba l’ombra, e ti lega ai tuoi sassi./Sì, io sono qui.

 

 

Apr 7, 2017 - poesie    No Comments

torpore

temporale

 

Slavina di ricordi,

in lento moto

il cervello

pesa sugli occhi.

Palpebre abbassate

a cancellare i rimorsi.

Apr 5, 2017 - poesie    No Comments

piccola storia qualunque

                                Henri_de_Toulouse-Lautrec_028

Era un giorno qualunque,
ne estate, ne inverno,
ne caldo, ne freddo,
qualunque.
Una strada qualunque,
ne diritta, ne storta,
ne lunga, ne corta
e nemmeno contorta,
qualunque.
Era un uomo qualunque,
ne bello, ne brutto,
aveva più di niente,
ma meno di tutto,
era un uomo comunque,
qualunque.
Un giorno qualunque
su di una strada qualunque,
ed un uomo
comunque qualunque,
che cercava una donna
comunque, non certo
qualunque.
Un giorno,
una strada,
un uomo qualunque
e un amore
più caldo del sole,
più forte del mare,
più immenso del cielo.
Più dolce
del più antico pensiero,
del fiorir di una rosa
sotto un cielo d’aprile.
Comunque
il più vero
amore qualunque

Apr 3, 2017 - poesie    5 Comments

risveglio

rosa-4

 

Come posso dirti
senza parole
ti amo.
Come farti capire,
lo svegliarsi al mattino
e sentire
sussurrato
fra i resti del sonno,
il tuo nome.
Poi…
al riaprire degli occhi
provare,
smarrimento
nel trovarsi da solo.
Pochi istanti gelati
di vuoto sgomento.
La paura
di aver perso una mano.
Poi…
il pensiero cosciente
che piano
si fa avanti
tra il velo del sonno.
Ricordarsi
di averti lasciato,
(dentro gli occhi
catene di stelle,
sulla faccia
un sorriso assonnato)
sulla porta di casa
dicendo:
(con dell’altro
che urlava di dentro)
Buonanotte a domani.

 

Apr 1, 2017 - poesie    No Comments

cantilena d’amore alla luna

                                                                                                        luna_piena

Levati luna,
levati luna dal mare
che voglio cantare d’amore.
Il mio amore
al mio amore.
Specchiati luna,
specchiati luna nel mare
che voglio guardare
attraverso i tuoi raggi riflessi
il mio amore,
e al mio amore cantare

Mar 27, 2017 - poesie    No Comments

l’amore, in varie forme

148052

 

Ma non parlarmi d’amore

Guardami negli occhi,
e sorridi.
Pensa che ci divertriremo,
insieme.
Oggi, domani e poi
forse,
altri giorni.
Ma non parlarmi d’amore,
quel sentimento che
intristisce la vita
rendendo, la gioia pura
pena.
Il divertimento,
un impegno duro e sfibrante,
gli attimi di silenzio,
altre volte
così teneri e dolci
interminabili istanti,
di noia.
Divertiamoci,
giochiamo insieme.
Ridiamo
di noi e degli altri.
Ma
non parlarmi d’amore,
o il nostro gioco
diverrebbe
una pietosa,
inutile menzogna

                                                                   refusi

10ea2395809a6d0d1d92256a89ca0d24

 

Cosa risponderesti

Cosa risponderesti tu
se ti dicessi, ti amo.
Rideresti?
Lusingata ed indifferente
mi guarderesti incredula
considerando false
le mie parole?
Oppure,
solo un leggero sorriso,
compiacente o compassionevole
sfiorerebbe le tue labbra?
O forse queste poche parole,
intaccando la tua sicurezza,
accenderebbero dentro te
la scintilla del dubbio,
portandoti a cambattere
l’inevitabile,
a calcolare il pro ed il contro
per decidere poi
nel modo più saggio
e sbagliato?
O forse ancora
nel modo più semplice
risponderesti impacciata,
chinando il capo,
anch’io?
Cose risponderesti, tu,
se ti dicessi ti amo?
Non lo so.
Non lo voglio sapere,
so solo che io,
in ogni caso,
sarei perduto.

                                                      refusi

Mar 25, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Civiltà

1020911076

Costruimmo castelli e fortezze,

rinchiudendo fra mura le nostre città,

per proteggere le nostre ricchezze,

ignorammo l’altrui povertà.

Fummo santi, pittori, poeti,

fummo sommi cultori di boria,

ci atteggiammo superbi ad esteti,

ma sbagliammo, lo dice la storia.

Pagine:«1234567...32»