Browsing "poesie"
Feb 14, 2017 - poesie    No Comments

Come un fiore

324365141

 

 

 

Come un fiore
perso,
alieno dentro
un universo
privo di colore
vago.
Picchi di dolore
alti,
tesi a colorare
recessi bui
dove mai
si franse
l’onda di alcun mare
Feb 14, 2017 - poesie    No Comments

L’amore

292683368

 

L’amore, l’amore, l’amore, l’amore,
l’amore che nasce,
l’amore che muore.
L’amore, l’amore, l’amore, l’amore,
l’amore nel vento,
l’amore nel sole,
l’amore in un seme,
l’amore nel mare.
L’amore, l’amorre, l’amore, l’amore,
l’amore nel riso,
l’amore nel pianto,
l’amore nel pene,
l’amore nel cuore.
L’amore, l’amore, l’amore, l’amore,
l’amore che vedo,
l’amore che sento,
l’amore che chiedo
è solo un momento,
l’amore che ottengo
è solo sgomento.
L’amore, l”amore, l’amore, l’amore,
l’amore è la vita,
l’amore è la morte.

 

Gen 14, 2017 - poesie    No Comments

Domanda di grazia

1632970425

 

Chiudete!
Chiudete le sbarre
all’immensa prigione,
lasciate di fuori la pena.
Spegnete!
Spegnete la voce
che pone
l’eterna domanda:
Chi sono? Chi sono?
Tacete!
Tacete! Tacete!
Che i dogmi non siano
le false banali risposte.
Levate le bende dagli occhi
allora saprete.
Fermate,
fermate quel soffio,
quel soffio chiamato paura
che chiude e spalanca le porte.
O Dio! O Dei!
Chi siete? Chi foste?
Se mai esistete o esisteste,
accogliete domanda.
Se mai foste dei,
se lo siete,
annullate
quel falso orizzonte,
cancellate l’assurda condanna.
Chiedo grazia…
invocando la morte.
Gen 6, 2017 - poesie    No Comments

Sono nato sbagliato

1114388965

 

 

Sono nato sbagliato,

senza un falso passato

scevro da ogni peccato,

poi…

poi mi hanno plagiato.

Mi han bagnato la testa,

mi hanno fatto la festa,

mi hanno purificato.

Mi hanno reso colpevole
di una storia lodevole

di un errore inventato.

Per un Dio fatto uomo

sceso a chieder perdono

sono stato immolato.

Ma non ho nulla da chiedere,

non ho niente da perdere

rivoglio il mio passato.

Privo di ogni invenzione

che non sia nel mio nome

ch’io non abbia creato.

Fate ch’io sia colpevole

o che io sia lodevole

solo per ciò che ho dato.

 
Dic 28, 2016 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Creazione (filastrocca con ematoma)

(non c’è mai stato un paradiso terrestre)

la_creazione____by_sivi87

 

C’era solo del vuoto
dentro al nulla caotico
poi qualcuno volò
sopra al nido del cuculo
vi depose due uova
di un colore cianotico
che restaron sospese
sopra lo spazio cosmico
colorando quelll’aria
del colore più livido.
Poi passaron dei giorni
e le uova si schiusero
bianche braccia con forza
i frammenti forzarono
ma eran senza le ali
fu per questo che caddero
ancorati a quel suolo
come vermi ora strisciano.

 

 

Dic 13, 2016 - poesie    No Comments

Spazi

znn150827004-vi

Spazi deserti

luoghi dimenticati, insorgono

oltre le luci del tramonto

occhi fessurati,inseguono

fra travertini antichi

tracce di un passaggio amico

che l’acqua non abbia corroso.

Sogni, privati del racconto

disegnano maestose figure

senza senso,

che solo un cuore perso

poteva interpretare.

Nel mio deserto agogno

il ricordo di una nascita

Dic 9, 2016 - poesie    No Comments

La ballerina del carillon

Ballerinadelcarillon

 

La ballerina del carillon

Danza

seguendo un ritmo antico

e uguale

danza,

sopra le note ripetute

gira,

sempre perfetta

e immobile

gira.

Sopra una vita

che la sfiora

dietro a un sorriso

che la illumina,

dentro alla pioggia

di una lacrima,

danza,

sempre perfetta

sempre uguale

in quelle note

un po’ stucchevoli

che sanno un po’

di carnevale.

 

 

Dic 2, 2016 - poesie    No Comments

Gioia

 

goccia-15

 

 

Goccia d’acqua dolce

 

in un mare salato

 

dispersa

Nov 21, 2016 - poesie    No Comments

Meglio il nulla

P1060249

 

 

 

Quanta cura nelle parole

quanto silenzio nel pensiero

quanto dolore nell’anima

e ora

nulla più,

se questa è la vita

meglio il nulla

Set 15, 2016 - poesie    No Comments

Vegedaa (Vecchiaia) dialettale

vegedaa

 

 

 

 

 

 

 

La pell ca la sa sgrinza

e la diventa dura

servis nesuna crema

ghè propi no la cura.

Sul nas, urmai gros e lung

riposan i ugiaa

ul cervel (l’era già poc)

te l’è desmentegaa,

te sentet poc

e ghet i ourecc che sona

le minga na sirena,

ma la vous de la tua dona.

E sì, pasan i ann

e te diventet vecc,

e che tal fan capì

in minga dumò i specc…

ma l’è che prima in strada

te guardaven i tusanett

e mo’ se la va ben

te guarden i vegett.

 

 

Pagine:«12345678...32»