Apr 26, 2017 - genesi e nemesi, poesie    No Comments

Sono nel luogo

 tempo

Io sono
nel luogo
dove ogni storia,
ogni amore,
ogni sorriso,
ogni lacrima,
nasce e si perde
in una continua eco
ripetuta.
Dove passato
e presente
evocano,
un futuro
mai diverso

Apr 24, 2017 - pensieri    No Comments

presunzione d’ignoranza

26af34a2389c67a358087afd4ee0f241.jpg

 

 

 

 

 

 

Peter Pan sta ancora cercando la sua ombra, evitando però di passare davanti agli specchi, che potrebbero rivelare quanto lui cerca di ignorare, le piccole rughe agli angoli degli occhi, l’argento dei capelli che ormai ha preso il sopravvento, un leggero accenno di pinguedine che un po’ di sport e di attività fisica riescono a tenere sotto controllo ma non ha eliminate completamente e che solo un opportuna quanto indifferente contrazione dei muscoli addominali riesce a celare agli altrui sguardi. Ma i piccoli acciacchi quotidiani, quei piccoli dolorini che a caso e senza una ragione apparente appaiono e scompaiono, saltuariamente ed in luoghi sempre differenti, riducono la tua presunzione di ignoranza in frammenti, e fuori continua a piovere…

 

Apr 22, 2017 - poesie    No Comments

Fratello (amica/o)


boys-bromance-brothers-endless-love-kids-love-Favim.com-73665_large

 

 

Quando ci conosceremo,
fratello.
Quando, i nostri pensieri
saranno le nostre parole.
Quando, guardandoci,
potremo parlare
senza volgere lo sguardo altrove,
senza il timore
che nella nostra guardia abbassata,
uno di noi possa
colpire dolorosamente,
quando fratello.
Quando torneremo a chiamarci così
senza sentire,
in queste parola,
tutto il ridicolo della menzogna.
Quando,
di Abele e Caino
rinnegheremo l’antico retaggio
distruggendo i crudeli favori
di nuovi dei,
che così diversi e nemici
rendono i nostri pensieri.
Quando potremo,
senza rancore,
stringerci la mano,
guardarci negli occhi,
chiamarci. fratello
senza mentire.
La mia mano è tesa,
aperta,
stanca di lottare
contro ciò che ci rende
nonostante tutto uguali.
Alla ricerca di me stesso
ti trovo,
conoscendomi ti conosco,
perché il diverso
in noi
è solo apparenza.
Fratello,
aspetto la tua mano.

Apr 20, 2017 - pensieri    No Comments

potrei dire…

10253853_1023410231009752_3475019883860507685_n

 

sì, potrei dire tante cose, come non dire nulla, potrei dire che amo questo mondo, ma che odio questa gente, che ci sta appiccicata addosso, che si arrampica su ogni dove pur di toglierti la luce. Potrei dire che amo poche persone e che ne odio molte, o meglio che non le tollero, non le sopporto, odiare è un sentimento forse più forte dell’amore e queste non lo meritano. Potrei dire che penso che la vita sia bella e che debba essere vissuta, troppo bella per essere sprecata, potrei dire che un solo tramonto non potrà mai essere eguagliato da una sinfonia di Beethoven, ma che diventa sublime, osservare quel tramonto ascoltando quella musica, potrei dire che vorrei vivere in silenzio ascoltando le tue parole…………….

Apr 18, 2017 - poesie    No Comments

Necessità

pianoforte-miami

Io ho bisogno:

di istanti/
di solitudine

di attimi/
di tristezza

di frammenti/
di vuoto

per essere

io

 

 

Apr 16, 2017 - pensieri    No Comments

Riflessione su testo altrui

1084

 

Siediti ai bordi dell’aurora, per te si leverà il sole.

Siediti ai bordi della notte, per te scintilleranno le stelle.

Siediti ai bordi del torrente, per te canterà l’usignolo.

Siediti ai bordi del silenzio, Dio ti parlerà.
Swami Vivekananda

 

Ho visto il levare del sole

ho visto il brillare delle stelle

ho udito il canto dell’usignolo,

ma seduto al bordo del silenzio

ho ascoltato solo l’eco delle mie domande

 

Apr 11, 2017 - poesie    No Comments

Orizzonti

 

                                                                   paesaggi_bellissimi_orizzonte_blu

Linea azzurra di mare,

linea azzurra di cielo,

in un monotono continuo

disperso,

il mio io

cerca.

Apr 8, 2017 - poesie    No Comments

Mi sunt chi – dialettale (quasi) con dedica

al mio lago.

 

bellagiocntla72dabr2

 

Mi sunt chi.

Vegnu bass cunt la piena

vegnu giò di muntagn

cunt la luna

che se specia in’t el lac.

Mi sunt chi

cunt i occ spalancaà

in su la vista

de quel’acqua

che la Breva l’increspa

e che fa dundulà

tuc i barc.

Mi sun chi

cunt i occ

che se pert su i muntagn

cunt ul coeur

che scancela i magagn

e cunt l’anima piena

d’un paesagg

che l’è cumè una cadena

che la  ferma i to pass,

che te roba l’umbria

e te lega ai to sass.

Sì, mi sun chi.

 

Traduzione per i non addetti.

Io sono qui/sceso a valle con la piena/sceso dalle montagne/con la luna/che si specchia nel lago/Io sono qui/ con gli occhi spalancati/ sulla vista/di quell’acqua/che la Breva (vento) increspa/ e che fa dondolare/tutte le barche/Io sono qui/con gli occhi/che si perdono sulle montagne/con il cuore/che cancella tutte le magagne/e con l’anima piena/di un paesaggio/ che è una catena/che ferma i puoi passi/ che ti ruba l’ombra, e ti lega ai tuoi sassi./Sì, io sono qui.

 

 

Pagine:«1234567...51»