Giu 6, 2007 - racconti brevi    No Comments

Pensione

 pensionato1

Finalmente in pensione, bè, non è che tu desiderassi proprio di andare in pensione in fondo ti consideravi ancora giovane e perfettamente in grado di continuare il tuo lavoro, ma la ditta per cui lavoravi decise di cessare l’attività, e tu, con più di cinquant’anni e trent’anni di esperienza nel settore, conosciuto e stimato nell’ambiente, invii centinaia di curriculum e fai altrettante telefonate, a qualcuno servirò pensi, qualcuno mi darà una mano…..

Si, la pensione. Fortunatamente hai raggiunto l’anzianità e quindi puoi  tranquillamente andare in pensione. Che bello pensi, da domani non dovrò più fare levataccie salire in macchina per recarmi in ufficio o percorrere centinaia o migliaia di chilometri in auto, treno o aereo, da domani potrò tranquillamente restarmene a casa a crogiolarmi nel letto, da domani avrò più tempo. Tempo per me, per i miei hobby, tempo…., e proprio mentre fai una passeggiata incontri un amico che subito ti apostrofa “Beato te che sei in pensione non devi preoccuparti più di niente e hai tutto il tempo che vuoi” –“Beh, in effetti e vero, posso farmi belle passeggiate, leggermi un buon li…..” Ma lui è già oltre, un cenno di mano per saluto ed è lontano, già, lui lavora, lui non ha tempo. Tempo….

Quando lavoravi non avevi tempo, dieci, dodici ore al giorno, quando stavi in ufficio, interi mesi con settimane senza sabati né domeniche quando eri in viaggio per fiere, mostre, presentazioni, visite a clienti importanti, alberghi, ristoranti, cene di rappresentanza. Proprio non ne avevi di tempo, e pensavi, quando andrò in pensione allora avrò tempo, tutto il tempo…..

Quando lavoravi di tempo n’avevi proprio poco, trascorrevi con la moglie la settimana bianca per Natale e capodanno; dieci, dodici giorni sulle dolomiti per ferragosto, e quei giorni passavano sempre troppo in fretta e così, subito dopo, via di nuovo a testa bassa nel lavoro. Nei fine settimana liberi gite alla ricerca di ristoranti, trattorie e baite ma questi spazi erano ancora più brevi, e pensavi, quando avrò più tempo, quando sarò in pensione tutto il tempo sarà mio, e potrò dedicarlo ai miei hobby, a mia moglie, andremo a nei luoghi che già conosciamo e che amiamo ed a visitare luoghi nuovi perché allora avremo tempo. Tempo….

Ora sei in pensione, e hai tutto il tempo che vuoi, tempo per fare passeggiate in paese, per leggere un buon libro o guardare la televisione o ancora fare passeggiate in paese, leggere un buon libro, guardare la televisione, tempo…….

Certo quando sei andato in pensione, ti anno dato anche la liquidazione, versando direttamente sul tuo conto, in banca, una cifretta interessante, e non avevi ancora deciso come utilizzare tale somma che già, il solerte bancario di turno ti telefonava informandoti sulle varie possibilità che ti si prospettavano per impiegare in modo produttivo il tuo capitale, Cirio, Parmalat,  Seat pagine gialle, varie soluzioni, due, tre e quattro. Che bravo pensasti, vuole fare i miei interessi, e così, al posto dei soliti Bot, ti lanciasti nel mercato azionario con l’allettante prospettiva di aumentare facilmente il tuo piccolo capitale dello……meno sessanta per cento.

Una volta quando non avevi tempo, avevi uno stipendio, una macchina aziendale, dei benefit; frequentavi alberghi tre, quattro stelle con sauna piscina welness, massaggi, ristoranti esclusivi, vestivi per motivi di rappresentanza abiti firmati, cambiavi l’auto personale ogni quattro anni, e pensavi, quando avrò più tempo, tempo…..

Come detto hai tutto il tempo che vuoi, ma, hai una pensione e se nel mondo esiste una contraddizione di termini elevata è, salvo note eccezioni, proprio fra queste due parole- pensione e tempo.

Ti eri sposato una prima volta, ma le cose non eranno andate bene, così dopo qualche anno. la separazione poi, dopo i termini di legge, lungagginì borocratie eccetere eccetera, otto lunghi anni, il divorzio. Nel frattempo avevi conosciuto la persona giusta, vi eravate frequentati per alcuni anni,

stavate bene ansieme, ti risposasti, stavolta è la volta buona pensasti, è la persona giusta, e per fortuna lo era. Ma averi già quarant’anni, e sempre meno tempo, così di comune accordo decideste,

egoisticamente forse, di non mettere al mondo figli. Sono già vecchio ormai, pensavi, e l’mpegno del lavoro proprio non mi lascia il tempo neccessario da dedicare a un figlio.

La conseguenza logica è che non pensasti nemmeno ad una casa, vivevi in un appartamento in affitto e la cosa ti sembrava giusta così, a cosa mi serve possedere una casa, o un appartamento, pensavi, se non ho nessuno a cui lasciarlo? Ti sembrava tutto così logico, sino a quando, a causa dell’affitto che aumentava costantemente ad ogni rinnovo di contratto e alla pensione, ti accorgesti che in tutti quegli anni avevi pagato al tuo locatore due o trè volte il valore dell’appartamento e che avresti continuato a pagarlo con il relativo costante aumento ad ogni rinnovo di contratto.

Così, a quasi sessant’anni, con quanto gli investimenti mirati suggeriti dal tuo bancario avevano  lasciato dei tuoi risparmi e con un mutuo, decidi di acquistare una casa, un appartamento dove trascorrere tranquillamente, speri, i tuoi anni a venire, dove passare il tuo tempo.

Hai tanto tempo, ma poca pensione, un mutuo, tasse, spese per riscaldamento, luce, acqua e altre per medicinali e visite mediche a causa degli acciacchi che aumentano con l’età, come aumentano tutte le altre spese, solo la pensione lei, non aumenta.

I periodi di vacanza si accorciano e vengono spostati a periodi di bassa stagione, è perché non ti piace la ressa, la folla, dici, ma lo sai è solo perché costa meno. Il numero di stelle sul depliant dell’ albergo diminuisce ogni volta, sino ad arrivare al garni, al monocale in affitto, è perché così, dici, sono libero di andare a mangiare nei vari ristoranti del luogo, senza orari ne impegni, ma lo sai, è solo perché costa meno.

Le gite fuori porta si riducono, da settimanali a quindicinali, da quindicinali a mensili, da mensili a quando capita. Il ristorante diveta una pizzeria, la pizzeria un pic nic. È meglio così, dici, si va dove si vuole senza prenotare si trova sempre posto è più sano, all’aria aperta e poi, nei ristoranti ultimamente, non è che si mangi poi tanto bene, ma è solo perchè costa meno.

La tua auto ha quasi dieci anni e centoquarantamila chilometri, l’hai tenuta bene, è ancora una bella auto, ma anche lei ha i suoi anni, ti ha portato a spasso per tanto tempo e comincia ad esserre stanca, a mostrare qualche acciacco e, tutte le volte che ci sali ne accarezzi il volante, dentro te le parli dolcemente, sussurri, resisti ancora ti prego, non mollare. Sai che se dovesse succedere sarebbe un dramma, non potresti sustituirla ora e forse mai.

Sei in pensione, hai sessant’anni e tutto il tempo che vuoi, tempo per passeggiare in paese, leggere un buon libro, lo stesso e…. guardare la televisione.

                                                                                                                    

Giu 5, 2007 - poesie    No Comments

A mia madre

 

Scansione 1 (2)

 

La tua fine, è la fine del tempo

Lascia questo luogo
senza un rimorso
senza un rimpianto
lascia il tuo tempo
convinta
di aver dato tutto
di avere amato tanto
di non aver mai dimenticato
ne una carezza
ne un sorriso
lascialo portando appresso
ogni espressione di un viso
o di tutti i visi
che tu hai amato.
Lascialo così
come sei giunta, ringraziando
chi te ne ha fatto dono
in un momento
che ora, non ti par neppur
così lontano
perché tutto quello
che tu chiamavi tempo
sta li racchiuso
nel palmo di una mano

Giu 5, 2007 - dialoghi    No Comments

ricordando Parigi e un po’ di Francia

ogni domenica mattina

attraverso le imposte aperte arrivano le note di una fisarmonica e per pochi momenti il tempo sembra fermarsi e mi riporta indietro a quei giorni trascorsi a Parigi, in un piccolo hotel di Montmartre in rue de Orderer… ai bistrot ed alle bulangerie, ai fiori ed agli artisti di strada… al bateau mouche che scivola lento sulle acque della Senna nella notte illuminata di Parigi, in una cornice senza tempo e senza spazio dove il mondo, per un istante indimenticabile, appare in tutta la sua grandiosità. Ed un sogno diventa realtà.

si faceva colazione con omelette, pane fresco imburrato e croissants… e poi gambe in spalla per cercare di vedere quante più cose possibile, scomparivamo nel dedalo della metropolitana parigina da Place de la Concorde, all’Arco di Trionfo fino alla Defense… il Quartiere Latino di Saint Germain… Il Louvre con la Venere di Milo e la Nike di Samotracia… i Gargoil di Notre Dame nell’Ile de la Citè… la Tour Eiffel… E poi le notti romantiche e scintillanti della Ville Lumiere…

                                                                                   pallina

si bella Parigi, caotica sino all’inverosimile sino alla sera, poi tranquilla anche se sempre affollatissima, perchè Parigi la notte, si vive a piedi…………. 
                                                        ref

 sì, a piedi e poi ancora ,cercarndo di imprimere nella mente quanto di tutto, le emozioni, gli odori …. il quartiere latino dove la sera, fuori dai ristoranti grechi rompono i piatti, mentre si mangia suonano e ballano il sirtaki …. e prima di Parigi la Normandia, le spiagge, lo sbarco, piccoli cimeli racchiusi in vetrinette di vetro …. una galletta, un pettine, divise …. il cimitero americano, tante croci bianche in un paesaggio stupendo quasi a voler rendere omaggio …. il silenzio …. ieri negli Stati Uniti la giornta del ricordo in memoria dei tanti soldati americani caduti.
                                                                                                                                          lesartists

Giu 5, 2007 - dialoghi    No Comments

il tempo…..forse cucino…..

(sempre più difficile quattro mani)

…. appartengo al mio tempo …. se non altro a queste ore …. appartengo alla mia testa …. note di violino che svolazzano senza comporre ordinata melodia, meglio un gatto nero con macchia bianca all’occhio destro che miagola saltellando su tasti neri e bianchi di un vecchio pianoforte …. una padella antiaderente che sta aspettando di essere riempita, noci sgusciate svogliatamente e l’ordine di una stanza minimalista …. appartengo al mio tempo ….

                                                                                                                  Lesartists

pasta saltata in padella, speck, radicchio e noci, il profumo sale nell’aria e si confonde con le note di uno svogliato violino, il gatto nero che si era confuso con i tasti del pianoforte, ora si distrae annusa laria e circospetto si avvia verfso quella nera padella che figlia del suo tempo diffonde poesia nell’aria…..

                                                                                                                   refusi

la finestra è aperta e  mentre l’ultimo raggio di sole attraversa la stanza, una brezza leggera gonfia le tende portando con se l’odore del gelsomino… il gatto ormai sazio pigramente si accoccola sul divano… ed il suono di un vecchio violino via via si allontana nella sera…

                                                                                                                   pallina

…portando con se ricordi lontani

di un tempo che è passato,ma che rimane

presente a farti compagnia….come le

dolci note di quel violino

                                                                                                                  marosa

Giu 5, 2007 - dialoghi    No Comments

Le strade di campagna

5d9763eac677fba818150c7e92d2a706.jpg

a tre mani

 

strette e piene di buche, costeggiate da canneti, erba alta punteggiata di fiori selvatici e qualche albero secolare. Le terre coltivate si estendono a perdita d’occhio interrotte di tanto intanto dalle macchie di colore dei frutteti e di vecchi casolari. Ed il cielo libero dalla gabbia della città sembra davvero infinito.

                                                                                                                 pallina

le strade di campagna sono uguali ovunque, quante volte le ho percorse da ragazzo, costeggiando campi di grano, di mais, filari di uva, camminando su quelle strade che ti coprono le scarpe di terra quando e secco, o te le inzaccherano con le loro pozzanghere quando ha piovuto, percorrerle e come percorre i ricordi…………………..

                                                                                                           refusi

i ricordi di una vita spesi a guardare

sempre oltre quei filari…

oltre quei campi di grano… nella

convinzione che le risposte siano

sempre oltre….qual cosa….

…infinito nel suo immenso splendore,

dove le nubi si rincorrono a formare

piccole figure che sembrano ballare…

e ci trasportano lontano in infiniti

mondi dove vorremmo essere……

                                                                               marosa

e sembra che il tempo si fermi e ci porti in un’altra dimensione, dove resteremo ragazzi per sempre e niente e nessuno potrà portarci via i nostri sogni…

                                                                                     pallina

i nostri sogni rubati,

i nostri sogni cercati,

i nostri sogni violati…

ma difesi a tutti i costi,perchè

nessuno ne sara’ mai padrone

si…lo saremo,fin tanto che

saranno nascosti

in quella profondita’ oceanica

del nostro cuore,dove nessuno

potra’ mai portarceli via.

                                                             petitcoeur

 

Giu 5, 2007 - poesie    2 Comments

il giardino dei semplici

1595086a80efadc4fe4e895c338b6d86.jpg

 

 

 

 

 

fiori di campo di voi nessun si cura,
persi fra l’erba verde della primavera,
senza strafare, senza mai rumore,
occhieggiate timidi, e il vostro azzurro fiore
è come un semplice, umile sorriso,
dimenticato e troppe volte aimè deriso……….
perchè in silenzio portate dentro al cuore,
ogni vostra gioia, ogni dolore……

                                                         refusi

Giu 5, 2007 - pensieri    No Comments

tratto da un messaggio ad un’amica

……………….. ho apprezzato molto l’allegoria del vento, e dell’onda, il vento che soffia e disperde, portandoti a ricostruire con maggior cura quanto avevi gia fatto, l’onda che rimuove e riporta sempre con moto ineguale, provocando comunque differenze e cambiamenti nell’animo delle persone, che ti spinge a crescere o ad abbandonare, io sono il vento e l’onda, sono il distruttore ed il costruttore di me stesso, sono la ricerca e la fuga e forse proprio per questo io non sono nulla

                                                                                   refusi

Pagine:«1...4445464748495051